images

Mare Nostrum sbarca a Pantelleria con Onice II

photo_40848Onice II è un progetto proposto dai cittadini attivi di Pantelleria, lanciato qualche anno fa dai membri dell’attuale Ischia Forum per contrastare la palese intenzione da parte del governo campano passato presente e probabilmente anche futuro di affondare definitivamente Caremar.

Il progetto ONICE II è un estratto del progetto Mare Nostrum, (da  non confondere con l’operazione di pattugliamento dei mari italiani) ideato degli ex-membri del M5S di Ischia e votato durante la riunione regionale del 30/10/2012 tra i progetti che i futuri eletti avrebbero dovuto portare in parlamento e che puntualmente non hanno fatto.

Inutile raccontarvi delle migliaia di finte promesse fatte dai vari deputati e senatori e delle decine di declinazioni o casuali contrattempi in merito agli altrettanti inviti sull’isola per discutere e confrontarsi su una proposta che – come dimostra l’esperienza di Pantelleria – avrebbe potuto risollevare la situazione sempre più critica dei trasporti nel golfo di Napoli.

Il deputato dell’ARS (Assemblea Regionale Siciliana) Sergio Tancredi, ha supportato il progetto Onice II che ha raggiunto in tempi brevissimi i tavoli del Consiglio Comunale di Mazara che ha immediatamente deliberato in merito alla possibile riapertura di un collegamento con l’isola di Pantelleria tenendo da conto Onice II, ritenuto un buon lavoro sia a livello regionale che in ambito europeo, per il quale si augura un supporto da parte del Comune di Mazara tramite un probabile acquisto di quote.

E proprio riguardo l’Europa, è notizia di questi giorni la realizzazione di un business plan con tanto di presentazione della domanda di finanziamento del progetto che darà finalmente vita ad un sistema di trasporti realmente gestito dai cittadini.

Siamo estremamente soddisfatti che un progetto nato ad Ischia da persone veramente attive e senza alcun secondo fine, stia procedendo verso una realizzazione che diventerà sicuramente un modello di gestione immune agli interessi dei privati. Allo stesso tempo siamo serenamente rassegnati del fatto che i politici campani del M5S – impegnati in questi giorni nelle varie passerelle a tempo determinato con scadenza al 31/05 – hanno perso l’ennesima opportunità, ignorando completamente l’ennesimo valido progetto nato da un gruppo considerato, fino al momento della rottura, il meetup più attivo e coeso della Campania.

Così i veri cittadini attivi lavorano per le proprie isole… Vi terremo aggiornati sull’evoluzione del progetto che potete consultare qui.

Informa i tuoi amici. Diffondi l'articolo!