11745359_10207287986068075_8603582925830611024_n[1]

EVENTO – Centrale Geotermica di Serrara Fontana: Opportunità o rischio per la popolazione?

Lo staff di Ischia Forum ha seguito fin dall’inizio l’evoluzione delle procedure che hanno portato alla richiesta di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) per il progetto di costruzione di una centrale geotermica sull’isola d’Ischia, nel comune di Serrara Fontana, scaturita dall’emanazione del Decreto Legislativo n. 28 del 3 marzo 2011 in attuazione della Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo. Si è studiata attentamente tutta la documentazione depositata dalla società IschiaGeoTermia Srl, discusso con professionisti e ricercatori che si occupano di geotermia e delle tecnologie per lo sfruttamento della risorsa, analizzato impianti analoghi nel mondo. Contemporaneamente si è constatato che sull’argomento geotermia e fonti energetiche rinnovabili esiste ancora una gran confusione a cui non giova il fatto di mettere in evidenza esclusivamente i rischi ambientali connessi ad un impianto di ultima generazione, ove mai questi esistessero. Sulla scorta delle informazioni criticamente raccolte e discusse, si è deciso di promuovere un incontro pubblico per il prossimo martedì 28 luglio alle ore 10:30. L’incontro si terrà presso i locali di fronte l’Antica Libreria Mattera in vico San Gaetano a Forio, grazie all’ospitalità del Consigliere, presso il comune di Forio, Vito Iacono.
Proveremo a fare il punto della situazione a partire da due brevi conferenze: la prima, a cura di Bartolomeo Garofalo, geologo, verterà sull’analisi tecnica del progetto relativo alla centrale geotermica di Serrara Fontana. La seconda, a cura di Giuseppe De Natale, direttore dell’Osservatorio Vesuviano, sarà invece improntata sul tema dei rischi ambientali indotti dall’attività di estrazione delle risorse geotermiche. Infine verrà dato lo spazio necessario alle eventuali domande sulla tematica discussa.

BREVE CV DEI DUE RELATORI

Giuseppe De Natale, laureato in Fisica all’Università di Napoli nel 1983, ha conseguito il Dottorato in Geofisica della Terra Solida all’Università “Paris 7” di Parigi. È Coordinatore del Progetto Internazionale “Campi Flegrei Deep Drilling Project” (CFDDP), Direttore Scientifico della Piattaforma Tecnologica Italiana sull’Energia Geotermica del Ministero dell’Università e Ricerca (MIUR), e Coordinatore di settore della Piattaforma Tecnologica Geotermoelettrica Europea TP-Geoelec dell’European Geothermal Energy Committee. È inoltre Responsabile INGV nell’EERA-JPGE (European Energy Research Alliance-Joint Program Geothermal Energy) ed è stato membro del CTGA (Comitato Tecnico sulla Geotermia dell’Amiata) del CEGL-Regione Toscana nel periodo 2010 – 2013. I suoi interessi di ricerca includono Sismologia, Geodesia, Vulcanologia e Geochimica, Geotermia. Autore di circa 150 pubblicazioni scientifiche e di numerosi articoli divulgativi; Editor di numerosi libri e volumi speciali in Geofisica e Vulcanologia; Responsabile di numerosi progetti di ricerca in ambito nazionale e internazionale. È stato insignito della membership dell’Academia Europaea dal 2005. Ricopre la carica di Direttore dell’Osservatorio Vesuviano dal 2013.

Bartolomeo Garofalo si è laureato in geologia nel 2000 presso l’Università di Napoli “Federico II”. Presso lo stesso Ateneo ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Geofisica e Vulcanologia nel 2004. Dopo un breve periodo come ricercatore universitario a contratto nell’ambito dell’applicazione di tecniche geofisiche ai BB. CC. AA., da circa 10 anni svolge l’attività di consulenza in progetti di indagini geofisiche superficiali per la ricerca d’acqua, cavità sotterranee, strutture archeologiche sepolte, mappatura dei sottoservizi, indagini di testing per l’ingegneria tra Europa, Africa e Medio Oriente. Originario di Torre del Greco (NA), vive a Forio dal 2003.

11745359_10207287986068075_8603582925830611024_n[1]

Informa i tuoi amici. Diffondi l'articolo!