m5s_ischia_schiavi_agosto_lavoro

“Schiavi” d’Agosto e l’ispettorato del lavoro “latitante”

m5s_ischia_schiavi_agosto_lavoro

Come ogni anno puntualmente ad Agosto i lavoratori stagionali sull’Isola d’Ischia perdono anche quegli ultimi scampoli di “favori” concessi gentilmente dal datore di lavoro come il giorno di riposo settimanale.

Non bastano infatti le  oltre 10 ore di lavoro giornaliere e le paghe da fame. Ad Agosto (e in particolare poi le ultime due settimane del mese) sull’isola è più facile che nevichi che trovare un’attività operante nel settore del turismo (Hotel, Ristorante, Parco Termale) dove i dipendenti possano beneficiare del sacrosanto giorno di riposo settimanale.

E che importa se sia la nostra Carta fondamentale che all’Art 36 tutela il diritto al riposo settimanale del lavoratore rendendolo “irrinunciabile”.

A questo punto ci chiediamo cosa faccia l’Ispettorato del lavoro e perché non si adoperi seriamente affinché questa “pessima abitudine” non venga sanzionata a dovere e ristabilita la legalità su un’isola che è ancora, sino a prova contraria, sottoposta alle leggi italiane.

Il MoVimento 5 Stelle Isola d’Ischia desidera inoltre lanciare un appello ad uno sviluppo sostenibile del turismo sulla nostra isola con una proposta reale e pratica: promuovere le aziende che realizzano il loro business nel rispetto dei diritti dei lavoratori e della legalità, visto che oggi purtroppo queste sono mosche bianche nel panorama turistico isolano.

Se l’azienda per cui lavorate rispetta i diritti dei lavoratori (giorno libero settimanale, ferie pagate, orario legale…) segnalatecelo, la inseriremo nella “white list” degli operatori “a 5 stelle”.

 

Approfondisci

fesr_isola_ischia_update_ago_2013

Fondi Europei: M5S Isola d’Ischia lancia l’operazione trasparenza 2013

Non ci sono i soldi” è il ritornello sempre verde che ti ripetono quando chiedi una camera iperbarica, un trasporto pubblico efficiente (che sia per terra o per mare), un ospedale come si deve, la messa in sicurezza del territorio, delle scuole da paese civile, strade in sicurezza, depuratori, un sistema di gestione dei rifiuti all’avanguardia

Non ci sono i soldi“, quasi quasi ci credi, poi leggi che CI SONO milioni di euro che vanno ad hotel, festival estivi, televisioni e aziende private e ti girano “le stelle”

Come già ricordato due anni fa , ci sono regole rigide che disciplinano i fondi europei (in questo caso Fondo Europeo di Sviluppo Regionale)

Il caso del concerto di Elton John a Napoli fa scuola. La Commissione Europea denunciòil valore aggiunto dell’iniziativa nonché l’impatto effimero e non strutturale sull’attività turistica nella regione” e chiese la restituzione dei soldi alla Regione Campania.

Se l’impatto di Elton John sul turismo campano fu considerato effimero, non immaginiamo come possa essere qualificato quello dei “segni e gusti barocchi”, degli ampliamenti di alberghi (su un’isola dove non si può costruire) o di festival e sagre estive che sanno tanto di “club privé”.

Il MoVimento 5 Stelle Isola d’Ischia andrà fino in fondo per capire in ragione di cosa siano stati versati questi soldi e verificarne la fondatezza.

“Non è il cittadino che deve dimostrare allo Stato come spende i suoi soldi, ma è lo Stato che deve spiegare,al centesimo, al cittadino come spende i soldi delle sue tasse.” Beppe Grillo

LA PIOGGIA DI FONDI EUROPEI SULL’ISOLA D’ISCHIA:

45mila Euro amarischia

124mila Euro teleischia adeguamento passaggio al digitale terrestre

75mila Euro ischia festival jazz 2010

45mila Euro ischia film festival 2009

75mila Euro ischia jazz festival

157mila Euro ischia winter and jazz festival XIII Edizione

52mila Euro segni barocchi itinerari luoghi impronte baocche

300mila euro ischia global film and music fest 2009 obiettivo sud africa

187mila euro per 8 ischia global film e music fest 2010

75mila euro villa arbusto un’isola nel mediterraneo tra musica e teatro

60mila euro primavera 2010 arte e musica a villa arbusto

37mila euro villa arbusto il mito la musica il teatro

37mila euro lacco ameno l’inverno ha un gusto barocco

105mila euro villa arbusto un’isola nel mediterraneo tra musica e teatro 2011

67mila euro ritorno al barocco e non solo nella cultura dell’arte nel colore locale

631mila euro Albergo Gattopardo di Monte Lucia Ampliameto

585mila Euro Miramonte “ampliamento”

408mila Euro Villa Bianca ampliamento

330mila Euro Hotel Terme Colella Sas di Castaldi Caterina e c. ammodernamento

313mila euro Albergo Residence Paradiso

993mila euro Le querce di Ferrandino Giovan Giuseppe ampliamento

Fonti dati: Opencoesione.gov.it – labfesr.digitcampania.it

fesr_isola_ischia_update_ago_2013
clicca per ingrandire

Approfondisci